La nuova collezione di carte da parati di Inkiostro Bianco pone l’accento sul tema della gentilezza estetica, un ritorno alla sobrietà intesa come pacatezza e morbidezza dei tratti, lentezza degli attimi raffigurati. Leggerezza non significa superficialità ma uno sguardo delicato che sfiora la bellezza del mondo circostante.

Abbiamo tutti bisogno di gentilezza.

La gentilezza estetica è il punto di partenza della ricerca di equilibrio che esploriamo attraverso il confronto fra luci e ombre. Due dimensioni che non possono esistere l’una senza l’altra e che si rincorrono bilanciandosi in un costante mutamento.

All’interno di questa cornice narrativa viene definita una nuova dimensione decorativa che non si impone ma che si accompagna agli arredi presenti in un determinato spazio. Un linguaggio etereo che definisce una proposta accogliente che rasserena e rassicura.


Gli ambienti che ospiteranno queste carte da parati saranno in grado di accogliere in un abbraccio avvolgente.